Amici del Goloso

DettiDetti

Questa rubrica a cura di Sharky contiene vari detti di vari dialetti della lingua italiana... Sono caldamente apprezzati nuovi detti e segnalazioni che potete spedire al suo indirizzo.

Detti Milanesi

Milanes arios

Venivano scherzosamente considerati "milanesi ariosi" coloro che, pur essendo residenti a Milano, provenivano da fuori, in particolare dalla Brianza.

Zucch e melon a la soa stagion

"zucche e meloni hanno la loro stagione", cioè ogni cosa va fatta a suo tempo e quando le circostanze lo consentono. Un uso consueto di questo detto è riferito alle persone di mezza età che ostentano una giovinezza ormai perduta.

Bott de legname

"botte da falegname", il rapporto fra i bott, che sono le busse, e i legnamée, che sono i falegnami, è probabilmente legato all'immagine del bastone. Comunque viene spesso usata la frase "g'hann daa bott de legnamée" per dire che un malcapitato è stato duramente picchiato.

Dagh minga còrda

"non dargli corda" ossia non lasciarlo andare secondo corrente, non fornirgli argomenti perché chiacchieri ancora di più.

Mangiass el fên in erba

Chi non ha la pazienza e la tenacia di aspettare il fieno e consuma frettolosamente l'erba, resterà povero, come chi impegna i guadagni prima di averceli in tasca.

Taccàa al can magher van tutt'i mosch

"addosso al cane magro vanno tutte le mosche", che metaforicamente significa: ai poveretti capitano tutte!

Gh'è pòcch de sfojà verz

"c'è poco da sfogliar cavoli", si usa quando si è di fronte a una situazione magra, che può essere una remunerazione misera, un pranzo insufficiente, una qualsiasi circostanza in cui si sperava di trovarsi davanti all'abbondanza e s'incontra invece la scarsità.

Stomegh voeuj, cervell slava

"stomaco vuoto, cervello lavato". L'interpretazione prevalente di questo detto è che dopo un lungo digiuno non si è più in grado di pensare e il cervello sembra privo di succhi, come se fosse stato lavato.

on lader de pan de mèj

" un ladro di pane di miglio", riferito a un poveraccio, a un diseredato al quale non si può far colpa di un peccato perché lo commette per disperazione

inveci de dagh ai politich i ciav de la città saria mej cambià i serradur

"invece di consegnare ai politici le chiavi della città, sarebbe meglio cambiare le serrature."

sògn: sta nòtt hoo faa on sògn, me sont insognaa che camminavi su la sabbia in compagnia del Signor. Hoo vardaa indree e hoo veduu che per ògni dì de la mia vita, come in d'on film, compariven pedann in su la sabbia: voeuna mia e voeuna del Signor. Inscì sont andaa innaz, fintant che tucc i mè dì hinn finii. Allora me son fermaa vardand indree, e hoo veduu che in certi sit gh'era domà una pedana...Eren i sit che combaciaven cont i dì pusee difficil de la mia vita; i dì di dispiesè pussee grand, de gran paura e pussee dolor...Allora hoo domandaa:"Signor, Te avevet dii che te sariet staa con mì tucc i dì de la mia vita, e mì ghe son staa per viv con tì, ma perchè te m'hee lassaa depermì pròpi in di moment pussee brutt de la mia vita?" E el Signor l'ha risponduu:"Car el mè fioeu, mì te voeuri ben e t'avevi dii che saria staa con tì per tutta la strada e che mai t'avria lassaa depertì nanca on minut, e t'hoo minga lassaa...i dì che t'hee veduu domà una pedana su la sabbia eran staa i dì che t'hoo portaa in brascia.

"sogno: questa notte ho fatto un sogno, mi sono sognato che camminavo sulla sabbia in compagnia del Signore. ho guardato indietro e ho visto che per ogni giorno della mia vita, come in un film, comparivano orme sulla sabbia: una mia e una del Signore. Così sono andato avanti, fintanto che tutti i mie giorni sono finiti. Allora mi sono fermato guardando indietro, e ho visto che in certi posti c'era solo un'orma...Erano i posti che combaciavano con i giorni più difficili della mia vita, i giorni dei dispiaceri più grandi, di grande paura e di maggior dolore...Allora ho domandato:"Signore, Tu avevi detto che saresti stato con me tutti i giorni della mia vita, e io sono stato per vivere con te, ma perchè tu mi hai lasciato da solo (per conto mio) proprio nei momenti più brutti della mia vita?" E il Signore mi ha risposto:"Caro il mio figliolo, io ti voglio bene e ti avevo detto ceh sarei stato con te per tutta la strada e che mai ti avrei lasciato da solo neanche un minuto, e non ti ho mica lasciato...i giorni che hai visto  solo un'orama sulla sabbia erano stati i giorni in cui ti ho portato in braccio.""

Digh al tò fioeu se l'è ch'el vooeur mangià, domà se l'è lù a tiraà foeura i danee

"chiedi a tuo figlio consa vuole per cena, solo se è lui a fare la spesa (letterale: chiedi a tuo figlio cosa vuole mangiare solo se è lui che tira fuori i soldi)"

Se casciom tant per quell che on fioeu el sarà doman, ma se dimenticom che l'è gemò on queivun incoeu.

"ci preoccupiamo tanto di quello ch un bambino (un figlio) sarà domani, ma ci dimentichiamo che è già qualcuno oggi."

Se comincia a dè consili bon quand gh'emm pù l'età de dà cattiv esempi

"si comincia a dare buoni consigli quando non si ha più l'età per dare cattivi esempi"

Mai vegh paura de la toa ombria. L'è lì perchè voeur dì che vesin, in d'on quai canton, gh'è ona luss che fà ciar.

"non c'è mai da avere paura della propria ombra. è lì perchè vuol dire che vicino, da qualche parte, c'è una luce che fa chiaro."

Pòcch ròbb dann pussee soddisfazion come vedè i fioeu di tò fioeu diventà grand.

"poche cose danno più soddisfazione di vedere i figli dei tuoi figli diventare grandi."

Quell che te ghe insegnet al tò fioeu, te gh'hee insegnet al fioeu del tò fioeu.

"quello che hai insegnato al tuo figlio lo hai insegnato al figlio di tuo figlio"

Al mond gh'è domà dò disgrazi: voeuna l'è quella de podè nò vegh quell che se voraria, l'altra l'è quella de veghel gemò

"al mondo ci sono solo due disgrazie: una è quella di non poter avere quello che si desidera, l'altra è quella di averla già."

incoeu la gent corr, la corr, ma senza savè in doe la và

"oggi gli uomini corrono, corrono, ma senza sapere dove vanno. (traduzione discutibile:  oggi gli uomini viaggiano più veloci ma non sappiamo se vanno verso migliori traguardi)"

Andii nò in cerca de dispiesè, lassa che riven deperlor. De solit, a metà strada succed on queicòss.

"non andare in cerca di dispiaceri, lascia che arrivino da soli. Di solito a metà strada succede qualcosa."

stampanteVersione Stampabile
Monica DressageZoccoli Vincenti
EuroPetition Graphics by GIMP Created with QUANTA+ Valid HTML 4.01! Get Firefox!
Modalità amministratore